ARCH. MAURO STRATA
CHI SIAMO
I NOSTRI UFFICI

OSPEDALE di RAPALLO
OSPEDALE di BIELLA
OSPEDALE di BRUNICO
SCUOLA MATERNA RAINUSSO

ELENCO LAVORI PER CLASSI
E CATEGORIE

CONTATTI e MAPPA

Home Page >> Ospedale di Biella


ospedale di biella

INTERVENTO Nuovo Polo Ospedaliero di Biella – Ponderano (BI)
COMMITTENTE Regione Piemonte ASL BI Biella


Il progetto per il Nuovo Polo Ospedaliero di Biella è stato il primo progetto esecutivo per un ospedale completo, nuovo e di grandi dimensioni (803 posti letto), elaborato in Italia secondo gli indirizzi contenuti nel D.P.R. 14 gennaio 1997 (Decreto Bindi) in merito ai requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l'esercizio delle attività sanitarie ed in conformità con le disposizioni della legge quadro in materia di lavori pubblici, Legge n. 109/1994, nonché del regolamento di attuazione della stessa, D.P.R. n. 554/1999.

L’arch. Mauro Strata ha svolto il ruolo di coordinatore generale del RTP aggiudicatario dell’incarico, nell’ambito del quale si è occupato anche della progettazione architettonica preliminare, definitiva ed esecutiva.

1_bielsito dabielaereo (3) 4_bielpiano primo 2_bielmodello



I criteri informatori del progetto, sotto il profilo igienico-sanitario e funzionale, richiamano l’attuale concezione del ruolo dell’ospedale, i cui punti qualificanti sono:

contenimento del numero dei posti letto in relazione alla riduzione della durata
della degenza

ampio spazio all’attività di day-hospital e di day-surgery ambulatoriale

esteso ricorso all’impiego di risorse diagnostiche e terapeutiche strumentali

elevato livello di comfort ambientale di tipo alberghiero per il paziente

efficienti sistemi organizzativi tesi ad un ottimale impiego del personale e delle risorse, assistiti da un ampio ricorso all’automazione, per una economia gestionale e funzionale del complesso ospedaliero.


L’area delle degenze viene organizzata con un assetto distributivo complanare, che raccoglie ed accomuna le Unità Operative affini e complementari in Dipartimenti: il confine fra le U.O. non è mai rigidamente fissato, ma può essere spostato in relazione alle variabili necessità di accoglienza, con una utilizzazione flessibile dei posti letto e la possibilità di un loro intensivo sfruttamento.

Il posizionamento degli spazi di day hospital in volumi separati, ma contigui alle degenze e complanari alle singole specialità, favorisce l’interscambio sia del personale che delle apparecchiature, limitando costi di gestione e di attrezzature.

03biel(0) 03biel(2) 03biel(4) cbiel



La tipologia architettonica è caratterizzata da uno sviluppo prevalentemente orizzontale, con struttura a manica quintupla: la più adatta per conseguire ottimali modalità organizzative ed economicità di gestione. Le unità di degenza sono caratterizzate da camere ad uno o due posti letto, tutte con servizio igienico proprio, ampiamente dimensionate e progettate con particolare attenzione al comfort di carattere alberghiero.

Grande cura è stata posta nella definizione degli ambiti dedicati sia al malato che al personale ospedaliero: ne sono esempio l'agevole accessibilità ai servizi, la chiarezza dei percorsi, la presenza di adeguati spazi per la vita sociale dei ricoverati e dei visitatori.

A completamento della gestione dell’emergenza, è prevista una piazzola di elisuperficie a terra, direttamente collegata al DEA mediante un percorso carrabile dedicato.

Le soluzioni impiantistiche e la dotazione di apparecchiature ad elevata tecnologia garantiscono un funzionamento dell'edificio ospedaliero ottimale nel tempo.

Tra le soluzioni impiantistiche adottate, tutte di completa affidabilità anche in situazioni di particolare criticità, si evidenzia la completa climatizzazione (invernale ed estiva) di tutto il complesso ospedaliero, con personalizzazioni spinte sino alla singola degenza.

1biel 2biel 3biel 4biel



Nel corpo centrale rettangolare, di circa 170x100 m, la “piastra dei servizi” comprende il livello dell’ingresso principale, in cui sono organizzati i servizi di diagnostica, terapia ed i servizi generali; dall’atrio su due livelli collegati da una rampa, attraverso aree dedicate a funzioni di tipo amministrativo e ambulatoriale, si articola la distribuzione interna: larghi corridoi, ascensori e scale mobili, che portano ai due percorsi, paralleli al giardino pensile, attrezzati con servizi e spazi commerciali. Gli ascensori di risalita verso i piani di degenza conducono direttamente nel “settore” previsto, riducendo le interferenze con le altre aree.

Il foyer di accesso accoglie visitatori e pazienti con un ampio spazio di rappresentanza comprendente: portineria di controllo, consegna referti, ufficio informazioni e sportello del cittadino, accettazione amministrativa, kinderheim; salendo una breve rampa, si arriva al livello dove si trovano: banca e pagamento ticket, accettazione e segreteria per ambulatori e prelievi, bar con ampio spazio per ristoro, sale di attesa con servizi.
7biel 8biel 10biel 9biel
abiel 5biel ebiel 6biel


© 2010/2011 - Arch. MAURO STRATA - Via Assarotti, 7 - Genova - 16122 - Tel. & Fax 010 815846 - P.Iva 01177160106 - studio@studiostrata.it